Sophos: condanne pesanti, hacker cambiate mestiere!

Sophos Press Release

In seguito alla recente sentenza a 30 anni di reclusione per un hacker ucraino, Sophos  esorta i criminali informatici a sospendere le attività illecite.

In seguito alla condanna inflitta all'hacker ucraino, reo di aver violato i sistemi di TJ Maxx, Sophos, società leader a livello mondiale nel settore della sicurezza informatica e nella tecnologia di controllo dell'accesso alla rete (NAC), lancia un monito ai criminali informatici esortandoli a cambiare mestiere.

Secondo quanto riportato dalla stampa, Maksym Yastremskiy, noto anche come "Maksik", era uno dei componenti della banda accusata nell' agosto 2008 di aver sottratto i dati relativi ai clienti di OfficeMax, Barnes & Noble, Boston Market, Sports Authority, Forever 21, DSW, BJ's Wholesale Club e TJX, la società che gestisce le catene di negozi T.J. Maxx  e Marshall's. Yastremskiy avrebbe venduto centinaia di migliaia di numeri di carte di credito e altri dati sensibili.

Il venticinquenne originario dell'Ucraina, ritenuto responsabile di aver causato perdite per decine di milioni di dollari in tutto il mondo con le sue attività criminali, era stato arrestato dalle autorità turche nel luglio del 2007 nel corso di un’operazione condotta dai servizi segreti.

"Yastremskiy avrà molto tempo a disposizione per valutare se il gioco sia valso la candela",ha dichiarato Walter Narisoni, Sales Engineer Manager di Sophos Italia. "L'entità della pena inoltre dovrebbe offrire spunti di riflessione ad altri soggetti coinvolti in attività criminose in ambito informatico. A fronte di lauti guadagni si corre il rischio di rovinare la propria esistenza e quella di familiari e amici. In apparenza le probabilità di finire in manette sono scarse, ma in realtà le sentenze di condanna diventano sempre più frequenti e gli sforzi di cooperazione internazionale finalizzati alla cattura dei criminali informatici sono efficaci come non mai".

Sophos consiglia alle aziende di salvaguardarsi dal rischio di malware, spam e intrusioni di hacker implementando un software di sicurezza efficiente e aggiornato.

Per maggiori informazioni, visitare il blog di Graham Cluley all'indirizzo:

www.sophos.com/blogs/gc/g/2009/01/08/tj-maxx-hacker-jailed

Più di 100 milioni di utenti in 150 paesi si affidano a Sophos, considerandola la migliore protezione contro minacce complesse e perdita dei dati. Sophos si impegna a fornire soluzioni di protezione completa facili da distribuire, gestire e utilizzare, e che offrano il più basso costo totale di proprietà del settore. Sophos offre soluzioni all'avanguardia per cifratura, sicurezza degli endpoint, Web, e-mail, dispositivi mobili e della rete, grazie al supporto dei SophosLabs: la nostra rete mondiale di centri di prevenzione delle minacce.

Le sedi centrali di Sophos sono situate a Boston, USA, e ad Oxford, Regno Unito.