FBI pronta ad arrestare un diciottenne per il virus Blaster. I commenti di Sophos Anti-Virus

Sophos Press Release

Secondo quanto riportato da diversi media americani, oggi l'FBI potrebbe procedere all'arresto di un ragazzo in relazione alla diffusione di una delle varianti del virus Blaster.

Pare che un ragazzo di 18 anni, che vive al momento negli Stati Uniti, sia stato visto da un testimone mentre stava testando il suo virus, basato sull'originale worm Blaster-A. Secondo John Harting, portavoce del procuratore di Seattle, questo testimone avrebbe poi contattato le autorità.

"Un chiaro messaggio deve essere mandato a tutti coloro che pensano che distribuire un virus sia 'figo' o sia una cosa divertente che non provoca danni. Una volta che il virus è stato rilasciato su Internet, non può più essere ritirato, anzi sfugge al controllo e può causare molti danni." ha commentato Graham Cluley, senior technology consultant di Sophos Anti-Virus. "Non ci è voluto molto tempo alla FBI per intervenire e questo sta a significare che le autorità di polizia in tutto il mondo stanno facendo dei grandi progressi nella caccia e nella cattura dei criminali informatici."

Esistono numerose varianti del virus Blaster. La prima ha cambiato il nome del file infetto da msblast.exe a teekids.exe e sembra sia stata rilasciata il 13 agosto scorso. Sophos Anti-Virus ha identificato questa variante come W32/Blaster-B.

Ulteriori informazioni sul virus Blaster.

Più di 100 milioni di utenti in 150 paesi si affidano a Sophos, considerandola la migliore protezione contro minacce complesse e perdita dei dati. Sophos si impegna a fornire soluzioni di protezione completa facili da distribuire, gestire e utilizzare, e che offrano il più basso costo totale di proprietà del settore. Sophos offre soluzioni all'avanguardia per cifratura, sicurezza degli endpoint, Web, e-mail, dispositivi mobili e della rete, grazie al supporto dei SophosLabs: la nostra rete mondiale di centri di prevenzione delle minacce.

Le sedi centrali di Sophos sono situate a Boston, USA, e ad Oxford, Regno Unito.