Botnet

Come rimanere protetti

Evitate di venire arruolati nella
prossima botnet

La rapida diffusione dell’Internet of Things implica la possibilità che persino campanelli, frigoriferi e microonde possano un giorno cadere vittima degli hacker ed essere arruolati forzatamente in una botnet.

Ma non sono solamente gli utenti privati a essere a rischio. Anche le organizzazioni vengono prese di mira con malware creato su misura per compromettere le reti aziendali e aggiungere server e dispositivi a botnet utilizzate a scopo malevolo.

 

Come agiscono le botnet

La botnet Mirai, scoperta nel 2016, è l’attacco su più vasta scala che sia mai stato osservato; è riuscita a boicottare i siti di Twitter, CNN e NetFlix, per citarne solo alcuni.

Ma come si verificano attacchi così estesi? Come ha inizio un’infezione? E soprattutto, cosa si può fare per garantire la sicurezza della propria organizzazione?

La prima linea di difesa: un firewall next-gen.

Whitepaper

Il nuovo

Sophos XG Firewall

XG Firewall è ricco di funzionalità avanzate che aiutano la vostra azienda a mantenersi libera dalle botnet.

Blocco della diffusione del
malware botnet nei sistemi

Blocco di attacchi complessi e
a fasi multiple

Identificazione e isolamento automatico
dei sistemi infettati

Un’analisi degli aspetti tecnici

I SophosLabs hanno effettuato un’analisi approfondita della botnet Betabot (nota anche come Neurevt), esaminandone le capacità, descrivendo come procedere per estrarre e decifrare i dati di configurazione, e come decodificare le comunicazioni tra bot e server di comando e controllo.

Whitepaper