Spam

Con il termine spam si intende l'invio generalizzato di e-mail non richieste, l’equivalente elettronico della posta indesiderata che intasa le vostre cassette postali.

Gli spammer spesso camuffano le proprie e-mail per eludere i software antispam. Sempre più sovente, lo spam giunge tramite indirizzi e-mail legittimi le cui credenziali sono state violate, appartenenti a servizi come Yahoo!, Hotmail e AOL. È anche presente un crescente numero di spam "a racchetta da neve", inviato da spazi con IP statici (VPS) o servizi cloud.

Gli scammer stanno anche prendendo di mira i più importanti e-mail service provider (ESP), nel tentativo di violarne i mail server (Mail Transfer Agent, MTA) per diffondere spam.

Spesso lo spam è lucrativo. Gli spammer possono inviare milioni di e-mail con un'unica campagna, investendo somme irrisorie di denaro. Se anche un solo destinatario su diecimila effettua un acquisto, lo spammer consegue un guadagno.

Lo spam è un problema?

  • Lo spam è una perdita di tempo per il personale. Gli utenti privi di protezione antispam devono esaminare tutti i messaggi e cancellare quelli contenenti spam.
  • Ed è facile che gli utenti trascurino o eliminino messaggi importanti, scambiandoli per spam.
  • Lo spam, così come gli hoax e i virus e-mail, occupa larghezza di banda e intasa i database.
  • Alcuni messaggi di spam possono essere offensivi. Il datore di lavoro può essere ritenuto responsabile, in quanto è tenuto a garantire un ambiente di lavoro sicuro.
  • Gli spammer si servono spesso dei computer di altri utenti per inviare spam (v. Zombie).
  • Sovente lo spam viene utilizzato per distribuire malware (v. E-mail malware).

Al giorno d'oggi gli spammer sfruttano anche il vasto utilizzo di messaggistica istantanea e social network, come Facebook e Twitter, per eludere i filtri antispam e indurre gli utenti a rivelare involontariamente informazioni sensibili o di carattere finanziario.

scarica Threatsaurus: le minacce dalla A alla Z
Scarica ora