Il problema del furto di informazioni: Sophos ne parla al security summit 2010

maggio 21, 2010 Sophos Press Release

Sophos, società leader a livello mondiale nel settore della sicurezza informatica, vi dà appuntamento all’interno dell’edizione romana del Security Summit con una Tavola Rotonda focalizzata interamente sul tema del furto di informazioni aziendali riservate.

Il 10 giugno, dalle 11.30 alle 13.15 presso SGM Conference Center di via Portuense 741, si terrà infatti un incontro tra personalità illustri del mondo accademico, giornalistico e della realtà aziendale italiana che, grazie a Sophos, discuteranno con gli IT Manager e CIO che interverranno, quali sono gli impatti legali e organizzativi del furto di informazioni aziendali riservate e di quali tecnologie all’avanguardia sono oggi a disposizione per ovviare al problema.

Durante la Tavola Rotonda saranno presenti Laura Ciarallo, vice-caporedattore della redazione economica del TG5, in veste di moderatore; Angelo Jannone, professore presso l’Università di Roma "La Sapienza", consulente di Corporate Governance, Security & Compliance e direttore operativo di Commetodi S.p.A, che tratterà il tema dal punto di vista legale e organizzativo, illustrando i pericoli per le aziende e le possibili soluzioni implementabili nel rispetto della compliance e Mark Harris, Responsabile dei SophosLabs, rete mondiale di ricercatori e analisti che opera 24 ore su 24 per proteggere le aziende clienti dalle minacce informatiche.

L’intervento di Harris illustrerà il lavoro quotidiano di SophosLabs e, congiuntamente alla presentazione tecnica di Walter Narisoni, Sales Engineer Manager - South Europe Coordinator di Sophos Italia, farà una panoramica delle tecnologie d’avanguardia che le aziende possono utilizzare per affrontare il problema del furto di informazioni aziendali.

La tavola rotonda sarà ulteriormente arricchita dalla testimonianza dell’Ing. Marco Fagiolo Responsabile della Delivery dei Servizi ICT e ICT Security Manager di Finmeccanica Corporate, il quale fornirà uno spaccato della strategia di Finmeccanica in materia di sicurezza delle informazioni, analizzando in particolar modo il caso della Holding del Gruppo che ha da tempo attivato la tecnologia NAC di Sophos.

“Il furto di informazioni è oggi una delle tematiche più sentite all’interno delle aziende.” commenta Marco D’Elia, Country Manager di Sophos Italia “Il mancato rispetto delle normative in materia di privacy, con la conseguente perdita di informazioni aziendali riservate, può avere un impatto diretto sul management aziendale, che viene considerato responsabile in prima persona degli eventuali danni provocati ai Clienti e Partner dell’azienda. In particolare, con l’avvento in azienda di siti di social network, diventa di fondamentale importanza adottare le tecnologie all’avanguardia per difendersi dalle minacce che circolano in rete, a cui Sophos risponde quotidianamente in modo proattivo.”