Delitto senza castigo: un posto di lavoro per il creatore del primo worm per iphone

novembre 26, 2009 Sophos Press Release

La notizia che Ashley Towns, l’ideatore di ikee, i primo worm per iPhone, è stato recentemente assunto da un’azienda che crea applicazioni per iPhone ha suscitato stupore e perplessità in Sophos, società leader a livello internazionale nel settore della sicurezza informatica.

Comparso pochi giorni fa in Australia, il virus ikee si limita a sostituire il wallpaper degli iPhone craccati con un’immagine della pop star degli anni 80 Rick Astley. Nonostante il basso potere virale, tuttavia, il bacino d’infezione è potenzialmente molto ampio: secondo le stime di Mogeneration, azienda con sede a Sidney, sono infatti a rischio tra i 17.000 e i 25.000 iPhone. Proprio Mogeneration ha di recente deciso di assumere Towns come sviluppatore di applicazioni per iPhone.

Sulla sua pagina di Twitter, Ashley Towns esulta: "Evviva! Ho trovato un lavoro! Sono uno sviluppatore di applicazioni per iPhone!"

Gli esperti di sicurezza informatica sono molto meno entusiasti. "È necessario essere estremamente chiari: creare worm e virus non è cool e non è un modo per trovare lavoro”, è il commento di Graham Cluley, senior technology consultant di Sophos. "È paradossale che proprio chi ha creato un virus informatico sia stato ora assunto per sviluppare nuove applicazioni per iPhone. I clienti di Mogeneration potrebbero anche obiettare alla notizia dell’assunzione di un hacker e, analogamente, le vittime di ikee si staranno chiedendo se verranno mai risarcite per il danno subito”. Come ha segnalato Sophos pochi giorni fa, il codice sorgente di ikee è stato recentemente utilizzato per creare un nuovo virus, estremamente più dannoso perché sottrae dati sensibili, come le coordinate bancarie, e crea una botnet di computer colpiti.

"Towns ha dichiarato apertamente di aver infettato da solo oltre 100 iPhone e di non essere assolutamente pentito del proprio gesto. E ora sembra quasi aver ottenuto una ricompensa: tutto ciò è davvero sconfortante”, ha aggiunto Cluley. “Per di più, Towns non sembra affatto in possesso di particolari qualità come programmatore: il suo codice era pieno di errori”.

Purtroppo, Ashley Towns non è il primo creatore di worm o malware ad aver fatto ottenuto notorietà ed un posto di lavoro dopo aver scritto un virus informatico: nel 2001, il sindaco di Sneek, cittadina olandese, candidò il creatore del worm Anna Kournikova ad un posto nel dipartimento IT dell’amministrazione locale. Cinque anni più tardi, un caso analogo: Sven Jaschan, ideatore dei famigerati worm Netsky e Sasser, venne assunto da un’azienda tedesca attiva nel settore dell’IT security, suscitando la reazione sdegnata della comunità informatica. Nel 2007, infine, un hacker cinese infettò con un malware la rete di un’azienda locale, ottenendo in cambio un’offerta di lavoro ed uno stipendio mensile di un milione di yen.

Per maggiori informazioni su Ashley Towns e la sua assunzione a Mogeneration: http://www.sophos.com/blogs/ikee-worm-author-job-iphone-app-firm/ (inglese)