"Come proteggersi dal cyber-crime"

giugno 15, 2007 Sophos Press Release

Incrementare il livello di consapevolezza delle organizzazioni, pubbliche e private, circa le minacce sempre più frequenti e sofisticate che provengono dal cyber-crime. Questo, in sintesi, l’obiettivo del convegno organizzato da Sophos, azienda leader mondiale nella fornitura di soluzioni per la sicurezza informatica e nella tecnologia di controllo dell’accesso alla rete (NAC), e promosso dall’Associazione Industriali di Novara.

L’incontro con le realtà imprenditoriali del territorio nasce dalla considerazione che oggi, qualsiasi tipologia di organizzazione fa largo uso di sistemi informatici per sviluppare il proprio business e governare dati e informazioni. La protezione del patrimonio informativo diviene quindi una priorità assoluta che deve essere tutelata con strumenti idonei.

Agenda della Giornata

09.30 – Registrazione dei partecipanti

10.00 – Welcome

L’Associazione Industriale di Novara (AIN) presenta Sophos ai propri associati.

Maurizio Genoni, Presidente Comitato Piccola Industria Associazione Industriali di Novara

Il Cybercrime fenomeno in continua evoluzione

Alle vecchie minacce se ne aggiungono nuove sempre più sofisticate e insidiose. Si sfruttano le nuove tecnologie e le vulnerabilità dei sistemi.

Vito Divincenzo, Sophos Director of Sales and Marketing

Cybercrime: falsi miti e dura realtà

Durante l’intervento si analizzerà il fenomeno del Cybercrime, smentendo una serie di falsi miti e cliché; verranno presentati i risultati dei primi tre anni del progetto di ricerca internazionale Hpp Hacker’s Profiling Project.

Si proietterà un estratto del video "Unauthorized Access" di Annaliza Savane.

Raoul Chiesa, ethical hacker, socio fondatore CLUSIT, dirigente ISECOM, CTO @ Mediaservice.net

11.30 - Coffee Break

Sophos presenta le sue soluzioni di sicurezza

Sophos Italia presenta il suo portafoglio di soluzioni per garantire sicurezza e controllo alle diverse organizzazioni. Le tecnologie Sophos assicurano una protezione integrata da virus, spam, spyware, adware, malware, trojan, worm e applicazioni potenzialmente indesiderate (PUA).

Franco Bavaro, Sophos Sales Development Manager

La Santa Sede si affida a Sophos

Il Santo Padre Papa Giovanni Paolo II voleva migliorare la comunicazione con i fedeli attraverso nuovi media. Oggi il sito internet del Vaticano è fra i più visitati al mondo e l’ufficio internet della Santa Sede ha scelto di adottare Sophos PureMessage che controlla 5 milioni di messaggi email al giorno, 2000 caselle di posta ed elimina 1,4 milioni di email di virus e spam.

Stefano Pasquini, Responsabile Ufficio Internet della Santa Sede

12.30 – Aperitivo