Press Release

Sfogliate il nostro archivio stampa

Marzo 2007

Sophos ha annunciato il lancio di Sophos Mobile Security, la prima soluzione della multinazionale britannica per la tutela dei dispositivi mobili.

27 mar 2007

Sophos ha stretto una partnership con Bassnet, società toscana specializzata nello sviluppo di progetti IT ad alto contenuto tecnologico e già leader nel segmento della sicurezza logica e fisica.

22 mar 2007

“Minacce informatiche dalla A alla Z” è una guida che descrive in modo completo ed estremamente comprensibile tutti i pericoli che può correre chi oggi utilizza il computer, sia in ambito domestico che professionale. Il libro, che suggerisce tutte le azioni necessarie per un’adeguata protezione dei computer e delle reti informatiche, sarà messo a disposizione gratuitamente da Sophos per tutte le biblioteche, le istituzioni didattiche e le organizzazioni culturali che ne facciano richiesta.

14 mar 2007

La società, leader mondiale nella sicurezza informatica, ha annunciato di aver stretto un nuovo accordo con Trade Up, il principale gruppo d’acquisto nel settore ICT che raccoglie un alto numero di rivenditori affiliati, in particolare nell’area nordovest. La partnership prevede anche momenti comuni di visibilità sul mercato. Il primo è il "Meeting Affiliati Primavera 2007", occasione di confronto fra i vendor e gli affiliati Trade Up che si terrà il 14 marzo prossimo presso “Le Robine Golf Club” di Varese.

12 mar 2007

Sophos ha annunciato la nomina di Paul Smolinski a Chief Financial Officer. L’entrata dell’esperto dirigente finanziario ha l’obiettivo di favorire l’espansione aziendale attraverso fusioni e acquisizioni e di preparare l’accesso al mercato dei capitali.

07 mar 2007

L’Italia si conferma all’ottavo posto nella classifica dei paesi produttori di spam, che secondo gli esperti viene ormai inviato per il 90% da computer zombie, controllati a distanza dagli hacker per mezzo di Trojan, worm e virus. Inoltre, per quest’anno si prevede un significativo cambio di rotta: anziché utilizzare la posta elettronica per diffondere il malware, i cybercriminali sfrutteranno la popolarità di Internet e l’accresciuta interattività degli utenti web.

01 mar 2007