Sophos nomina il nuovo Chief Operating Officer

aprile 04, 2005 Sophos Press Release

Una nomina che rafforza Sophos in previsione di una futura crescita mondiale

Sophos, azienda leader nella produzione di software antispam e antivirus per le aziende, ha annunciato la nomina di Steve Munford a chief operating officer (COO) globale. In questa nuova posizione, Munford dovrà relazionarsi direttamente con i cofondatori e CEO di Sophos, Dott. Jan Hruska e Dott. Peter Lammer, e assumerà con effetto immediato responsabilità globali relative all’operatività, incluse la guida e il supporto dei manager senior in Sophos, la crescita futura e l’espansione dei prodotti. Munford avrà il proprio ufficio nel quartier generale di Sophos fuori Oxford in Gran Bretagna.

Munford applicherà le proprie comprovate capacità direzionali e la propria expertise tecnica di lunga data al ruolo di chief operating officer. In qualità di presidente di ActiveState, ha portato con successo la società con base nel Nord America a rivestire una posizione leader nell’ambito dei software per la sicurezza dell’e-mail. Quando Sophos acquisì ActiveState nel 2003, Munford assunse il ruolo di presidente di Sophos per il Nord America.

Prima di approdare in ActiveState, Munford aveva rivestito la posizione di manager senior in Seanix, il più grande produttore di PC in Canada e in Coopers & Lybrand, dove si era occupato di sovrintendere numerose iniziative di reengineering e di miglioramento delle performance.

'Siamo entusiasti di dare il benvenuto a Steve in questo nuovo ruolo,' ha dichiarato il dott. Jan Hruska. 'Questa nomina rafforzerà l’impegno di Sophos nei confronti del proprio organico, dei propri clienti e partner in tutto il mondo, come anche il nostro posizionamento in un'attività commerciale significativa e la crescita societaria con il nuovo anno fiscale. Siamo fiduciosi che la nomina di Steve avrà un impatto forte e positivo sul futuro di Sophos'.

La nomina riflette la crescita sostenuta di Sophos nelle due decadi passate, che l’hanno vista trasformarsi da vendor britannico di antivirus in specialista di sicurezza informatica globale con più di 900 impiegati e 35 milioni di utenti nel mondo.